GSuite

Ultimi Giochi Pubblicati: Recensioni & Downloads

15 agosto 2018

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: l’Impero Seleucide.

By With Nessun commento:
0 A.D. è un eccezionale gioco di strategia open source e gratuito. Inoltre, pur essendo nelle primissime fasi di sviluppo, offre già un’esperienza di gioco di gran lunga superiore a quella proposta da molti titoli commerciali.

Sebbene 0 A.D. è iniziato come un clone di 'Age of Empires II: The Age of Kings', si è ben presto evoluto in un gioco a se, con un proprio motore grafico. E si vede! Dal punto di vista grafico, 0 A.D. è un titolo eccellente e si avvicina molto al terzo capitolo della 'Age of Empires'.

Il gioco si svolge nell’anno 0 A.D., proprio come ‘Age of Empires II'. In pratica s’inizia avendo pochi abitanti in un villaggio e una unità di scouting: il vostro obiettivo sarà quello di costruire una grande e potente città piena di nuovi edifici e difese fortificate.

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito.


Il villaggio, quindi, sarà la vostra base da cui dovrete espandervi, costruendo alleanze e annientando gli avversari.



Per costruire la tua città, migliorarla e creare un esercito, avrai bisogno di risorse. Carne, pietra, legno e metallo rappresenteranno le risorse più importanti e dovrai sempre averne in abbondanza se vorrai mantenere sempre attiva la tua forza lavoro.

Le civiltà.

In 0 A.D. è possibile giocare con dieci diverse civiltà:
Cartaginesi.
Celti.
Greci.
Indiani Maurya.
Iberi.
Kushites.
Persiani.
Romani.
Seleucidi.
Tolemaici d'Egitto.
Leggi anche: Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: i cartaginesi.

Impero Seleucide.

L'Impero seleucide è stato un regno del periodo ellenistico fondato sui territori di Mesopotamia, Siria, Persia e Asia Minore, governato dai sovrani dell'impero seleucide, appartenenti per la maggior parte alla dinastia seleucide iniziata con Seleuco I dopo la disgregazione dell'impero di Alessandro Magno, e conclusosi definitivamente nel 64 a.C. con la conquista romana ad opera di Gneo Pompeo Magno e la creazione della provincia romana di Siria.

In giallo l’impero seleucide.
Le origini.
Dopo la morte di Alessandro Magno (323 a.C.), il potere effettivo passò nelle mani dei suoi generali, i diadochi, che si divisero le sue immense conquiste. La Persia fu suddivisa tra vari satrapi macedoni, tra i quali emerse presto la figura di Seleuco, satrapo di Babilonia.
Seleuco si fece incoronare re di Babilonia e nel 306 a.C. impose la sua autorità su tutte le province orientali. Nel 301 a.C. Antigono Monoftalmo, che governava l'Asia Minore e la Siria, fu sconfitto da una coalizione degli altri diadochi: Seleuco si impossessò della Siria dove, sulle rive dell'Oronte, fondò Antiochia, in onore di suo padre. L'impero di Seleuco raggiunse la sua massima estensione nel 281 a.C., quando Lisimaco, signore di Tracia e Asia Minore, fu sconfitto e ucciso alla battaglia di Corupedio; Seleuco inglobò nei suoi possedimenti l'Anatolia e si apprestava a invadere le terre europee di Lisimaco, quando fu assassinato, ormai ottantenne, da un sicario dell'egiziano Tolomeo Cerauno.
Tolemaici d'Egitto: Sono la trentatreesima ed ultima dinastia d'Egitto, ed uno dei Diadochi nato dopo la morte di Alessandro Magno. Dispongono di varie tecnologie di agricoltura, il che migliora la raccolta di cibo, e di una varietà di mercenari. Dopo il loro primo centro civico, possono anche costruire avamposti militari, più deboli ma anche economici rispetto ai centri civici stessi. I Tolemaici possono anche catturare elefanti e cammelli appartenenti a Gaia (cioè neutrali).
File:Albe planlatium.jpg
Il territorio dell'antico Latium vetus, il Tevere e l'antica città di Roma.

L’Impero Seleucide nel gioco 0 A.D.


Seleucidi: Sono il più largo regno nato dopo la morte di Alessandro Magno.
Dalla loro apposita fortezza (disponibile dalla fase Città) è possibile scegliere se mantenersi all'esercito tradizionale (sbloccando i Carri falcati e i Picchieri dallo Scudo Argentato) oppure riformarlo (sbloccando lo Spadaccino Romanizzato e il Catafratto Seleucida). Dopo il centro civico, sarà possibile costruirne altri solo dopo aver reclutato un eroe, reclutabile direttamente dal centro civico; in compenso, si potranno costruire degli avamposti militari, un poco deboli ma abbastanza economici.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
14 agosto 2018

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: I Romani.

By With Nessun commento:
0 A.D. è un eccezionale gioco di strategia open source e gratuito. Inoltre, pur essendo nelle primissime fasi di sviluppo, offre già un’esperienza di gioco di gran lunga superiore a quella proposta da molti titoli commerciali.

Sebbene 0 A.D. è iniziato come un clone di 'Age of Empires II: The Age of Kings', si è ben presto evoluto in un gioco a se, con un proprio motore grafico. E si vede! Dal punto di vista grafico, 0 A.D. è un titolo eccellente e si avvicina molto al terzo capitolo della 'Age of Empires'.

Il gioco si svolge nell’anno 0 A.D., proprio come ‘Age of Empires II'. In pratica s’inizia avendo pochi abitanti in un villaggio e una unità di scouting: il vostro obiettivo sarà quello di costruire una grande e potente città piena di nuovi edifici e difese fortificate.
0 A.D.-Roman-1
Il gioco si svolge nell’anno 0 A.D., proprio come ‘Age of Empires II'.

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito.


Il villaggio, quindi, sarà la vostra base da cui dovrete espandervi, costruendo alleanze e annientando gli avversari.



Per costruire la tua città, migliorarla e creare un esercito, avrai bisogno di risorse. Carne, pietra, legno e metallo rappresenteranno le risorse più importanti e dovrai sempre averne in abbondanza se vorrai mantenere sempre attiva la tua forza lavoro.

Le civiltà.

In 0 A.D. è possibile giocare con dieci diverse civiltà:
Cartaginesi.
Celti.
Greci.
Indiani Maurya.
Iberi.
Kushites.
Persiani.
Romani.
Seleucidi.
Tolemaici d'Egitto.
Leggi anche: Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: i cartaginesi.

Origini dei Romani.

Roma fu una città dell'età antica, la cui storia come centro egemone, politicamente e culturalmente, si sviluppò lungo il fiume Tevere nell'antico Latium vetus, per oltre un millennio (dal 753 a.C. al 476 d.C., continuando poi fino ai nostri giorni).

Risulta verosimile che Roma sia nata dopo un lungo processo di aggregazione dei villaggi che sorgevano sulle colline circostanti il fiume Tevere (ad esempio sul Palatium, sul Cermalus o sulla Velia). Alcuni storici hanno poi creduto di poter disegnare lo sviluppo della città, come segue: la formazione della prima civitas quadrata sul Palatino, in seguito allargata al Septimontium e poi alla città delle quattro regioni. Questa teoria non sembra però essere stata accolta da tutti.

Essa rappresentò la prima grande metropoli dell'umanità (tanto che il numero di abitanti della Roma Augustea fu raggiunto solamente agli inizi del XIX secolo da Londra) cuore di una delle più importanti civiltà antiche, che influenzò la società, la cultura, la lingua, la letteratura, l'arte, l'architettura, la filosofia, la religione, il diritto e i costumi dei secoli successivi. Capitale della Repubblica prima e dell'Impero romano poi, estese il suo dominio su tutto il bacino del Mediterraneo e gran parte dell'Europa.

File:Roma Romolo 753aC.pngRoma quadrata negli anni della sua fondazione (circa 750 a.C.)

Territorio antico.

Il territorio dell'antico Latium vetus, il Tevere e l'antica città di Roma.
La morfologia dell'area geografica su cui insisteva la Roma primitiva può essere dedotta da analogie e da verifiche geologiche di quello e altri siti della valle del Tevere: era una zona caratterizzata da colline di altezza di solito contenuta ma dai fianchi tufacei che potevano anche essere estremamente ripidi e con le sommità generalmente abbastanza pianeggianti, adatte quindi a ospitare nuclei abitativi che, per ovvi motivi di sicurezza, preferivano stabilirsi su queste alture piuttosto che nelle valli sottostanti. In particolare, la sommità del Palatino aveva una forma vagamente trapezoidale, che potrebbe essere stato il motivo per cui questa prima Roma venne definita “quadrata”.

Sicuramente la natura del luogo dove sorse il nucleo iniziale di Roma, lungo la sponda sinistra del fiume Tevere, ai piedi di numerosi colli (in particolare Aventino, Palatino e Campidoglio) sulle cui sommità sorsero i primi abitati protourbani, non molto distante dal mare, fecero di questo centro il luogo adatto allo scambio di merci (tra cui il sale, di fondamentale importanza) e bestiame tra differenti culture. Coarelli, infatti, racconta del carattere "emporico" del luogo, frequentato da Fenici (fin dai decenni finali dell'VIII secolo a.C.) e da Greci (dal secondo quarto sempre dell'VIII secolo), questi ultimi identificabili probabilmente con gli Eubei di Cuma. Il guado del Tevere, come pure le vie di transumanza delle greggi e mandrie, oltre all'approvvigionamento del sale erano collegati al culto di un Ercole di origine sabina, che aveva nel foro Boario il centro del sistema emporico dell'area.

Certamente la spinta all'aggregazione fu favorita dalla posizione della città, al crocevia di due importanti vie di comunicazione commerciali. La prima, che dalle città etrusche del nord, tra cui la vicina Veio, arrivava in Campania dove erano state fondate le polis greche, e utilizzata per lo scambio di materie prime presenti in Etruria contro prodotti lavorati dei greci; la seconda che dai monti della Sabina arrivava al mare, utilizzata soprattutto per il trasporto del sale (tramite la via Salaria e la via Campana).

Per la difesa di questi primi agglomerati urbani si sfruttava, per quanto possibile, la conformazione del terreno, nel senso che veniva eretto un muro o, piuttosto, un rinforzo, solo dove il pendio del colle non era abbastanza ripido da impedire l'accesso. Spesso all'esterno del muro veniva anche scavato un fossato tale da rendere quanto meno difficoltoso l'avvicinamento sui lati non difesi naturalmente.

File:Albe planlatium.jpg

Il territorio dell'antico Latium vetus, il Tevere e l'antica città di Roma.

I Romani nel gioco 0 A.D.


I romani sono capaci di addestrare la fanteria più forte del gioco, gli Hastati, e di assemblare le migliori macchine da assedio.

I Romani possono anche costruire muri d'assedio in territorio avverso per circondare le città nemiche. I loro 3 eroi sono tutti spadaccini di cavalleria, e tra di loro figura Publio Cornelio Scipione. Appaiono per la prima volta nella versione 9-Ides of March.


Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
9 agosto 2018

Vastissima raccolta di sfondi di alta qualità di 0 A.D. videogioco di strategia libero.

By With Nessun commento:

Immagini delle civilizzazioni.

Immagini del gioco

26 luglio 2018

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: I Persiani.

By With 1 commento:
Visione di insieme e mente lungimirante sono gli obiettivi di 0 A.D gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio.

La strategia è ben più di un puzzle. Si tratta di un piano per la dominazione e la vittoria attraverso la difesa di torri o basi, il comando di eserciti o nazioni, l'uccisione pericolose streghe o l'appropriazione di diamanti.

Domina imperi ed eserciti di fantasia, futuristici, fantascientifici, storici o moderni.
Conduci il tuo esercito alla carica o difenditi dalle invasioni dei nemici.

La guerra non è il tuo unico obiettivo: dovrai risolvere rompicapo, valutare numerosi elementi e anticipare le mosse degli avversari.

0 A.D. è un eccezionale gioco di strategia open source e gratuito.


Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito.

0 A.D. è un eccezionale gioco di strategia open source e gratuito. Inoltre, pur essendo nelle primissime fasi di sviluppo, offre già un’esperienza di gioco di gran lunga superiore a quella proposta da molti titoli commerciali.



Sebbene 0 A.D. è iniziato come un clone di 'Age of Empires II: The Age of Kings', si è ben presto evoluto in un gioco a se, con un proprio motore grafico... E si vede! Dal punto di vista grafico, 0 A.D. è un titolo eccellente e si avvicina molto al terzo capitolo della 'Age of Empires'.

Le civiltà.


In 0 A.D. è possibile giocare con dieci diverse civiltà:
Cartaginesi.
Celti.
Greci.
Indiani Maurya.
Iberi.
Kushites.
Persiani.
Romani.
Seleucidi.
Tolemaici d'Egitto.

I Persiani sono i membri di un gruppo etnico indoiranico (quindi della famiglia indoeuropea) che vive principalmente in Iran.
Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: I Persiani.Twitta

I Persiani nel gioco 0 A.D.


In 0 A.D. è possibile giocare come nove diverse civiltà, tra cui quella Greca, Romana, Persiana e Britannica. 

Ognuna avrà i suoi edifici, i suoi vantaggi e le sue unità militari. Il tutto è stato personalizzato con grande cura e attenzione per rendere ogni civiltà il più possibile fedele sotto il punto di vista storico.
Leggi anche: I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (3a parte).
Cartaginesi.
Celti.
Greci.
Indiani Maurya.
Iberi.
Kushites.
Persiani.
Romani.
Seleucidi.
Tolemaici d'Egitto.

Impero persiano.


I Persiani sono i membri di un gruppo etnico indoiranico (quindi della famiglia indoeuropea) che vive principalmente in Iran.

Secondo il CIA World Factbook 2004, il 51% dell'attuale popolazione iraniana è di etnia persiana mentre la Biblioteca del Congresso porta la cifra al 65%.

Diversi altri gruppi etnici sono rappresentati in Iran, tra cui il gruppo ariano non-persiano dei gilaki (che vivono nella provincia iraniana di Gilan); gli azeri e i turkmeni di discendenza turca, arabi, armeni, baluchi e altre minoranze.
Secondo il CIA World Factbook 2004, il 51% dell'attuale popolazione iraniana è di etnia persiana.

Le origini.


Secondo la mitologia greca la stirpe dei persiani deriverebbe da Perse, figlio di Perseo.

I Persiani sono i discendenti di tribù indoiraniche, verso la metà del II millennio a.C., si separarono in due gruppi: uno migrò verso sud giungendo sull'altopiano dell'Iran mentre l'altro migrò verso il subcontinente indiano.

La prima menzione dei Persiani proviene da una iscrizione assira (circa 844 a.C.) nella quale sono chiamati Parsu (Parsuaš, Parsumaš).

L'iscrizione li colloca nella regione del lago di Urmia, insieme con un altro gruppo, i Madai (Medi), che insieme ai Babilonesi provocarono il crollo dell'Impero assiro nel 612 a.C.
Leggi anche
Il principe persiano Ciro nel 550 a.C. guidò la ribellione contro i dominatori e, conquistata l'indipendenza, si propose come re dei popoli uniti, Medi e Persiani.

I Persiani nel gioco A.D.

I Persiani sono la civiltà più cosmopolita.

I Persiani sono la civiltà più cosmopolita, arruolando una grande varietà di truppe dalle loro satrapie.

Le loro unità di fanteria sono deboli e poco equipaggiate, ma possono essere ammassate in grossa quantità.

La loro cavalleria è la più forte (ma anche la più costosa) del gioco, e l'unica a poter disporre di qualunque tipo di unità a cavallo, compreso il carro falcato di tipo Scita.

I loro edifici sono anche i più resistenti nel gioco.

Appaiono per la prima volta nella versione 8-Haxamanis.
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
12 luglio 2018

I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (3a parte).

By With 2 commenti:
Recentemente abbiamo goduto di molti tra i migliori giochi a pagamento anche su Linux grazie al porting delle case produttrici.

Ciò nonostante molti tra i titoli più famosi sembrano ancora restii a trasferirsi sul kernel Linux.

Per essere onesti la maggior parte dei giochi che sono attualmente disponibili per Linux sono non graficamente esaltanti oppure hanno trame sciolte.

Nonostante tutto qualcosa ha cominciato a muoversi.

Ecco quindi l’elenco completo dei giochi nativi per Linux.

L’elenco completo dei giochi nativi per Linux gratuiti e open source.

Tutti i  giochi nativi per Ubuntu 18.04 "Bionic Beaver".


34 giochi in ordine alfabetico nativi per Linux presente nei repository di Ubuntu 18.04 "Bionic Beaver".



Guide precedenti.


Leggi anche: I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (2a parte).


I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (1a parte).




I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (2a parte).


Tutti i giochi che iniziano per C.



Elenco completo di giochi nativi per Linux gratuiti  e open source che iniziano per C formato alfabeticamente per nome.


cappuccino
(0.5.1-8ubuntu1) [universe]


utility to let your boss think that you're working hard


caveexpress (2.4+git20160609-4) [universe]


2D platformer with physics-based gameplay


I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (3a parte).Twitta

cavepacker (2.4+git20160609-4) [universe]


sokoban game with network based multiplayer gaming


cavezofphear (0.5.1-1build2) [universe]


ASCII Boulder Dash clone


ceferino (0.97.8+svn37-2) [universe]


action game similar to Super Pang


cgoban (1.9.14-18) [universe]


complete Go board


chessx (1.4.6-1) [universe]


chess database


childsplay (2.6.5+dfsg-1build1) [universe]


Suite of educational games for young children


chipw (2.0.6-1.2build2) [universe]


custom level editor for TileWorld / Chip's Challenge™


chocolate-common (3.0.0-4) [universe]


dummy transitional package for chocolate-doom related packages


chromium-bsu (0.9.16.1-1) [universe]


data pack for the Chromium B.S.U. game


circuslinux (1.0.3-33) [universe]


data files for circuslinux


Leggi anche: I giochi nativi per Ubuntu presenti nei repository dell’attuale versione 18.04 LTS Bionic Beaver (1a parte).

colobot (0.1.11-1) [universe]


educational programming strategy game


colorcode (0.8.5-1build1) [universe]


advanced clone of the MasterMind code-breaking game


colossal-cave-adventure (1.4-1) [universe]


Colossal Cave Adventure game


connectagram (1.2.4-1) [universe]


word unscrambling game


cookietool (2.5-6) [universe]


suite of programs to help maintain a fortune database


corsix-th (0.61-1) [multiverse]


Open source clone of Theme Hospital


cowsay (3.03+dfsg2-4) [universe]


configurable talking cow
Amazon prime


crack-attack (1.1.14-9.1build1) [universe]


multiplayer OpenGL puzzle game like "Tetris Attack"


crafty (23.4-7) [multiverse]


state-of-the-art chess engine, compatible with xboard
Small-size opening books for crafty chess engine


crawl (2:0.21.1-1) [universe]


Dungeon Crawl, a text-based roguelike game


crimson (0.5.2-1.1build1) [universe]


hex-based tactical game


criticalmass (1:1.0.0-6) [universe]


Shoot-em-up a la galaxian


crossfire-client (1.72.0-1) [universe]


Client for the multiplayer roguelike Crossfire


crrcsim (0.9.12-6.2build2) [universe]


Model-Airplane Flight Simulator


csmash (0.6.6-6.8) [universe]


CannonSmash, a table tennis simulation game


cube2 (0.0.20130404+dfsg-1) [universe]


3D first-person shooter game engine


cultivation (9+dfsg1-2build1) [universe]


game about the interactions within a gardening community


curseofwar (1.1.8-3build2) [universe]


Fast-paced action strategy game for Linux based on ncurses


cutemaze (1.2.0-1) [universe]


single player maze game


cuyo (2.0.0brl1-3build1) [universe]


data files for the game cuyo


cyphesis-cpp (0.6.2-2ubuntu1) [universe]


WorldForge game server


cytadela (1.1.0-4) [multiverse]


old-school first person shooter game


Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
5 luglio 2018

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: Iberi.

By With 2 commenti:
0 A.D. è un eccezionale gioco di strategia open source e gratuito. Inoltre, pur essendo nelle primissime fasi di sviluppo, offre già un’esperienza di gioco di gran lunga superiore a quella proposta da molti titoli commerciali.

Sebbene 0 A.D. è iniziato come un clone di 'Age of Empires II: The Age of Kings', si è ben presto evoluto in un gioco a se, con un proprio motore grafico. E si vede! Dal punto di vista grafico, 0 A.D. è un titolo eccellente e si avvicina molto al terzo capitolo della 'Age of Empires'.

Il gioco si svolge nell’anno 0 A.D., proprio come ‘Age of Empires II'. In pratica s’inizia avendo pochi abitanti in un villaggio e una unità di scouting: il vostro obiettivo sarà quello di costruire una grande e potente città piena di nuovi edifici e difese fortificate.
Il gioco si svolge nell’anno 0 A.D., proprio come ‘Age of Empires II'.

Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito.


Il villaggio, quindi, sarà la vostra base da cui dovrete espandervi, costruendo alleanze e annientando gli avversari.



Per costruire la tua città, migliorarla e creare un esercito, avrai bisogno di risorse. Carne, pietra, legno e metallo rappresenteranno le risorse più importanti e dovrai sempre averne in abbondanza se vorrai mantenere sempre attiva la tua forza lavoro.

Le civiltà.

In 0 A.D. è possibile giocare con dieci diverse civiltà:
Cartaginesi.
Celti.
Greci.
Indiani Maurya.
Iberi.
Kushites.
Persiani.
Romani.
Seleucidi.
Tolemaici d'Egitto.
Leggi anche: Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: i cartaginesi.

Origini degli Iberi.


Gli Iberi erano un gruppo di popoli, imparentati linguisticamente fra di loro, che abitavano la parte orientale e meridionale della penisola iberica durante il I millennio a.C.
Gli antichi geografi concordano nel considerare l'Iberia come un territorio fertilissimo.

Gli antichi geografi concordano nel considerare l'Iberia come un territorio fertilissimo: ma sull'etnografia degli Iberi hanno a lungo disputato storici, antropologi e filologi che professavano e molti ancora professano teorie ed opinioni del tutto contrarie su questo punto, su cui non era facile emettere un giudizio prima della metà del secolo scorso.

Amazon prime


Perciò agli antichi Greci, attraverso i quali ci sono pervenute le prime notizie sulle genti iberiche, in generale l'occidente d'Europa era poco noto ancora nel III e II secolo a.C.; e i Romani, che più tardi ci fecero conoscere la parte occidentale dell'Europa, non varcarono l'Ebro prima del VI secolo della città (517 d. R.), e non cominciarono ad occuparsene che nel secondo prima dell'era volgare, quando già la nazione iberica era stata da tempo smembrata da Fenici, Cartaginesi, Celti e dai Romani stessi che non si curavano di ciò che riguardava la cultura dei popoli vinti e tanto meno d'investigare da dove fossero venuti e a quale stirpe appartenessero. Gli esempi di Giulio Cesare e di Tacito sono una vera eccezione.

Gruppi iberici si diressero inoltre nell'attuale Francia. Il geografo greco Strabone affermava che parte della Gallia meridionale era abitata da genti di origine iberica, come testimoniavano la lingua e i tratti somatici dei popoli ivi stanziati, diversi da quelli dei Galli.
Mausoleo ibero del VI secolo a.C. (M.A.N., Madrid).

Secondo taluni, nuclei di Iberi raggiunsero, in epoca protostorica (cultura del vaso campaniforme), anche la Sicilia, la Sardegna, l'Europa centrale e le isole britanniche.

Espansione.


La loro civiltà iniziò a svilupparsi solo alla fine del VI secolo a.C., subito dopo la caduta di Tartessos, in Andalusia, per poi diffondersi, nel secolo successivo, in tutto il levante spagnolo e, nel corso del IV e del III secolo a.C. anche nelle valli del Segura, dell'Ebro (assorbendo le precedenti popolazioni protoceltiche dei campi di urne) e in parte delle regioni pirenaiche. La zona propriamente "iberica" della futura Hispania romana finì in tal modo con l'estendersi dai Pirenei alle foci del Guadalquivir ed oltre, comprendendo, attorno al 240 a.C., alla vigilia dell'invasione punica, oltre un terzo dell'attuale Stato spagnolo.
Guida a 0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio: Iberi.Twitta
L'influenza degli Iberi andò ben oltre le proprie zone di stanziamento. Alcune popolazioni celtiche, già presenti da lungo tempo nell'altopiano (meseta) castigliano-aragonese (e per questo chiamate anche celtibere) adottarono dagli Iberi il sistema di scrittura e in primo luogo l'alfabeto, e in taluni casi si fusero con essi. Monete e oggetti artistici iberici sono state rinvenuti persino nell'attuale Portogallo e in alcune zone della Francia meridionale.

Gli Iberi nel gioco 0 A.D.


Nel gioco 0 A.D. gli iberi si contraddistinguono per la fanteria più rapida sia nei movimenti sia nel tiro, in particolare i frombolieri Balearici.

Gran parte delle unità da lancio sono in grado di tirare anche proiettili infuocati, efficaci contro qualsiasi tipologia di struttura. Il ferro di Toledo gli garantisce un miglior armamentario in metallo.

Come se non bastasse, la loro cavalleria è la più economica, e i loro guerrieri élite possono causare gravi danni anche in inferiorità numerica.





La loro prima apparizione è nella versione 5-Edetania.

Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
4 luglio 2018

Proteggere la libertà di informazione non è un gioco, il diritto all'informazione nel mondo.

By With 2 commenti:
Proteggere la libertà d’informazione non è un gioco.

Wikipedia Italia oscurata per protesta contro direttiva UE sul copyright.

Europarlamento: “Regole non toccano Wikipedia”

Sulle pagine compare un messaggio firmato dalla Comunità italiana di Wikipedia  che spiega le ragioni della decisione di bloccare il servizio.

Ecco il comunicato in data odierna di Wikipedia.
Proteggere la libertà d’informazione non è un gioco.

Proteggere la libertà di informazione non è un gioco.


Il diritto all'informazione è un importante tipo di diritto soggettivo, oggi codificato e tutelato da tutti i moderni ordinamenti giuridici.



Ecco il comunicato in data odierna di Wikipedia.

Il comunicato di Wikipedia.


Cara lettrice, caro lettore,

Il 5 luglio 2018 il Parlamento europeo in seduta plenaria deciderà se accelerare l'approvazione della direttiva sul copyright. Tale direttiva, se promulgata, limiterà significativamente la libertà di Internet.

Anziché aggiornare le leggi sul diritto d'autore in Europa per promuovere la partecipazione di tutti alla società dell'informazione, essa minaccia la libertà online e crea ostacoli all'accesso alla Rete imponendo nuove barriere, filtri e restrizioni. Se la proposta fosse approvata, potrebbe essere impossibile condividere un articolo di giornale sui social network o trovarlo su un motore di ricerca. Wikipedia stessa rischierebbe di chiudere.
Proteggere la libertà di informazione non è un gioco, il diritto all'informazione nel mondo.Click to Tweet
La proposta ha già incontrato la ferma disapprovazione di oltre 70 studiosi informatici, tra i quali il creatore del web Tim Berners-Lee (qui), 169 accademici (qui), 145 organizzazioni operanti nei campi dei diritti umani, libertà di stampa, ricerca scientifica e industria informatica (qui) e di Wikimedia Foundation (qui).

Per questi motivi, la comunità italiana di Wikipedia ha deciso di oscurare tutte le pagine dell'enciclopedia. Vogliamo poter continuare a offrire un'enciclopedia libera, aperta, collaborativa e con contenuti verificabili

Chiediamo perciò a tutti i deputati del Parlamento europeo di respingere l'attuale testo della direttiva e di riaprire la discussione vagliando le tante proposte delle associazioni Wikimedia, a partire dall'abolizione degli artt. 11 e 13, nonché l'estensione della libertà di panorama a tutta l'UE e la protezione del pubblico dominio.

https://meta.wikimedia.org/wiki/SaveYourInternet


La comunità italiana di Wikipedia
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
30 giugno 2018

I migliori giochi di strategia per Linux: recensione completa, notizie e aggiornamenti (1a parte).

By With 2 commenti:
I videogiochi strategici sono un genere di videogioco che enfatizza il pensiero abile e pianifica di ottenere la vittoria.

Nello specifico, un giocatore deve pianificare una serie di azioni contro uno o più avversari e la riduzione delle forze nemiche è solitamente un obiettivo.

La vittoria viene raggiunta attraverso una pianificazione superiore e l'elemento della casualità assume un ruolo minore.

Nella maggior parte dei videogiochi strategici, il giocatore riceve una visione divina del mondo di gioco e controlla indirettamente le unità di gioco sotto il loro comando.

Pertanto, la maggior parte dei giochi di strategia coinvolge elementi di guerra a vari livelli e presenta una combinazione di considerazioni tattiche e strategiche.

Oltre al combattimento, questi giochi spesso sfidano la capacità del giocatore di esplorare o gestire un'economia.
I migliori giochi di strategia per Linux.


I migliori giochi di strategia per Linux.

Anche se ci sono molti giochi di azione che coinvolgono il pensiero strategico, sono raramente classificati come giochi di strategia.  Un gioco di strategia è in genere di portata più ampia e la loro principale enfasi è sulla capacità del giocatore di pensare al proprio avversario.

Caratteristiche.


I giochi di strategia raramente comportano una sfida fisica e tendono a infastidire i giocatori di mentalità strategica quando lo fanno.



Rispetto ad altri generi come i giochi di azione o di avventura in cui un giocatore affronta molti nemici, i giochi di strategia di solito comportano un certo livello di simmetria tra i lati.

Ogni parte ha generalmente accesso a risorse e azioni simili, con i punti di forza e di debolezza di ciascuna parte in generale bilanciati.

Sfide strategiche e tattiche.


Sebbene i giochi di strategia comportino sfide strategiche, tattiche e talvolta logistiche, sono distinti dai giochi di puzzle. Un gioco di strategia richiede di pianificare un conflitto tra i giocatori, mentre i giochi di puzzle richiedono una pianificazione isolata. I giochi di strategia sono anche distinti dalle simulazioni di costruzione e gestione, che includono sfide economiche senza alcun combattimento.

Questi giochi possono incorporare una certa quantità di conflitto, ma sono diversi dai giochi di strategia perché non sottolineano la necessità di un'azione diretta contro un avversario.

Sebbene i giochi di strategia siano simili ai videogiochi di ruolo in quanto il giocatore deve gestire unità con una varietà di attributi numerici, i giochi di ruolo tendono ad avere un numero minore di personaggi unici, mentre i giochi di strategia si concentrano su un numero maggiore di unità abbastanza simili.

Freeciv è un videogioco strategico a turni sviluppato pubblicamente e rilasciato sotto licenza GNU GPL
Freeciv è un videogioco strategico a turni ispirato alla serie Civilization di Sid Meier.
Leggi anche: Guida A Freeciv, Un Grande Gioco Open Source: Meraviglie del Mondo.
Wormux è un clone multipiattaforma gratuito a codice aperto per la famosa saga Worms Armageddon e Worms World.
Wormux è un clone per Linux del famosissimo gioco Worms.

Battle for Wesnoth è un videogioco strategico a turni multipiattaforma con ambientazione fantasy.
Battle for Wesnoth è un videogioco strategico a turni multipiattaforma basato sui giochi per Sega Mega Drive Master of Monsters e Warsong.

Warzone 2100 videogioco strategico in tempo reale con l'ambientazione abbastanza simile ai film della serie Mad Max.
Warzone 2100 è un videogioco strategico in tempo reale distribuito sotto licenza GNU GPL
I migliori giochi di strategia per Linux: recensione completa, notizie e aggiornamenti (1a parte).Twitta
Stratagus gioco open source per tutti gli amanti degli strategici in tempo reale.
Stratagus e' un motore di gioco open source per giochi di strategia in tempo reale.

Heroes of Newerth è uno strategico in tempo reale ispirato alla celebre mappa di Warcraft III, Defense of the Ancients.

Tribal Trouble divertente gioco di strategia dalla grafica spassosa e dal ritmo serrato.
Tribal Trouble è un gioco di guerra strategica con grafica in stile cartoon.

Savage XR è al contempo un gioco di strategia in tempo reale e un fps, con un'eccezionale grafica 3D.
Savage XR è al contempo un gioco di strategia con un'eccezionale grafica 3D


Amazon prime



KJumpingCube è un semplice gioco di strategia dove l'area di gioco è una scatola che contiene dei cubi.
KJumpingcube è un semplice gioco di strategia basato sugli scacchi

0 A.D. gioco di strategia libero e gratuito con ottima grafica e audio.
0 A.D. è un videogioco storico di guerra ed economia, incentrato sul periodo compreso tra il 500 a.C. e il 500 d.C..
Se ti è piaciuto l'articolo, iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:
http://feeds.feedburner.com/LinuxGiochi
Amazon prime

Ultimi giochi pubblicati

< /br> < /br> < /br> < /br> < /br>
Copyright © 2014 Super Tux Giochi | Designed With By Templateclue | Published By Gooyaabi Templates
Scroll To Top