Ultimi Giochi Pubblicati: Recensioni & Downloads

18/06/10

Quake III Arena sparatutto in prima persona dove la modalità di gioco multiplayer è predominante rispetto a quella a giocatore singolo.

By With Nessun commento:

Quake III Arena sparatutto in prima persona dove la modalità di gioco multiplayer è predominante rispetto a quella a giocatore singolo.

Quake III Arena (anche abbreviato in Q3A o semplicemente Q3) è uno sparatutto in prima persona pubblicato nel 1999 che, insieme a Unreal Tournament, ha dato il via ad un sottogenere dove la modalità di gioco multiplayer è predominante rispetto a quella a giocatore singolo: lo scopo dei vari livelli di gioco non è più quello di trovare l'uscita combattendo contro mostri controllati dalla CPU, ma fraggare quanti più avversari umani possibili (che rientrano immediatamente in gioco dopo essere stati uccisi) fino a raggiungere un certo punteggio, all'interno di arene. I "deathmatch" erano presenti anche in giochi precedenti, ma in questo caso diventano i protagonisti principali.

Così come per i predecessori, nell'agosto 2005 anche il codice sorgente di Quake 3 Arena è stato successivamente reso disponibile sotto licenza Open Source. Questo ha dato il via ad una serie di port come OpenArena, un gioco alternativo completamente open source, dotato di texture ed effetti sonori alternativi dato che quelli originali sono sempre sotto il copyright di id Software.

A partire dal 2008, id Software lo ha reso disponibile in versione gratuita e giocabile online tramite browser, intitolandolo Quake Live.

Quake 3 Online.

Chi comincia a giocare a Quake 3 parte generalmente dal singleplayer e quando ha preso un po' di dimestichezza si butta nell'arena del gioco online (prima sulla versione "base" e poi su Mod professionali quali OSP). Nonostante i notevoli passi avanti nell'ottimizzazione dei dati scambiati via rete rispetto a Quake 2 ed alle stesse prime versioni di Quake 3 (sono state rilasciate diverse patch, chiamate PointRelease, che hanno corretto bug ed ottimizzato le prestazioni di rete), la velocità di connessione è un aspetto fondamentale.

E nel 1999 in Italia non molti utenti erano dotati di ADSL. Un normale modem 56k consente normalmente ping (tempo di risposta del server; sarebbe più corretto dire latenza, ma il termine ping è comunemente utilizzato) fra i 200 ed i 300 millisecondi, mentre con una ADSL si può avere di 70ms o meno. Un ping alto costringe il giocatore a dover cercare di anticipare le mosse dell'avversario, perché nel tempo che passa fra la sua pressione del tasto di fuoco ed il relativo "sparo" sul server, l'avversario si è già leggermente spostato. Questo ha portato anche alla nascita di alcuni "MOD" quali "Unlagged" e "ZPM" (Zero Ping Mode) che hanno cercato di minimizzare il problema facendo compensare al server lo scarto di tempo (lag).

Fortunatamente con la diffusione della banda larga anche in Italia, la situazione è molto migliorata. Comunque, il primo modo per ovviare al problema del lag è stato organizzare partite sulle reti locali LAN: molti Internet point hanno messo Quake 3 a disposizione dei clienti, in modo da giocare con ping quasi nullo. Sono nati così anche i "LAN party", manifestazioni in cui i giocatori di giochi multiplayer si incontrano in grandi LAN (utilizzando computer messi a disposizione dall'organizzazione o portando i propri), scontrandosi in tornei dei giochi più svariati.

Come accade per altri giochi multiplayer di successo, i "Quakers" (giocatori di Quake) più assidui si sono riuniti in "Clan": vere e proprie squadre (anche formate da componenti di diverse nazionalità) più o meno professionali, che vanno da semplici gruppi di amici che si ritrovano per giocare di tanto in tanto fino ad organizzate strutture gerarchiche, che si scontrano in amichevoli e tornei contro altri clan.

Per giocare online: per prima cosa è necessaria l'installazione dell'ultima patch "PointRelase" (la versione 1.32 sembrava essere quella definitiva, ma l'8 maggio 2006, ad anni di distanza dalla versione precedente, è uscita la patch 1.32c, che corregge due falle nella sicurezza trovate dopo il rilascio sotto licenza GPL del codice sorgente di Quake 3).

Poi si possono trovare server su Internet utilizzando l'elementare utility interna, ma il sistema più efficiente è l'utilizzo di software esterni quali The All-Seeing Eye (ASE, oramai dismesso), GameSpy 3D/GameSpy Arcade o Qtracker che trovano i server internet e permettono di suddividerli ed ordinarli per MOD, modalità di gioco, numero di giocatori, tempo di latenza (ping) ed altri fattori.

In caso fosse abilitato il PunkBuster (sistema che impedisce l'uso di versioni modificate di Quake che permettano "imbrogli" quale ad esempio la mira automatica "aimbot") sul server scelto, sarebbe necessario avere anche questo componente aggiuntivo installato ed aggiornato.

Screenshots.

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop

Imagehosting at Imageloop



Crea le tue foto ed immagini come Slideshow per eBay, Netlog, MySpace, Facebook o la tua Homepage!Mostrare tutte le immagini di questo Slideshow




fonti: Wikipedia & Quake


Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:


08/06/10

Rise of the Triad: Dark War, sparatutto open source in prima persona, portato su iPhone.

By With Nessun commento:

Rise of the Triad: Dark War, sparatutto open source in prima persona, portato su iPhone.

Rise of the Triad: Dark War (abbreviato in ROTT) è un videogioco di tipo sparatutto in prima persona, rilasciato il 21 dicembre 1994 da Apogee Software (conosciuta poi come 3D Realms).

La versione shareware, che conteneva livelli diversi rispetto a quelli visti nel gioco finale e un solo personaggio giocabile, è stata chiamata Rise of the Triad: The HUNT Begins. ROTT è stato il primo titolo ad ottenere un punteggio di 4 su 4 dalla RSAC (Recreational Software Advisory Council). Il 16 febbraio 2010 è stato portato su iPhone.

Trama.

Siete un membro della squadra HUNT (High-risk United Nations Task-force), gruppo di specialisti in missioni segrete. Arrivate sull'isola di San Nicolas, al largo di Los Angeles, dove, in un vecchio monastero, avverrebbero strani culti deviati. Mentre state investigando, degli uomini armati spuntati dal nulla distruggono la vostra imbarcazione; dalla vostra radio arrivano preoccupanti voci su una sistematica distruzione della città degli Angeli. Un prigioniero, riuscito a scappare dal monastero, vi informa che il piano dei monaci, aiutati da un'armata di soldati mercenari, è quello di uccidere milioni di persone in onore del loro padrone El Oscuro. L'unico modo di fermare questa follia è di addentrarsi nel monastero, e sconfiggere tutti gli Oscuridos, fino allo scontro finale con il signore oscuro.

Il gioco prevede due diversi finali. Se nell'ultimo livello non vengono distrutte tutte le larve di El Oscuro, prima dello scontro con quest'ultimo, la Terra viene devastata dai discendenti dell'antagonista. In caso contrario i piani degli Oscuridos vengono sventati e il loro monastero viene dato alle fiamme.

Tecnologia.
Il gioco sfrutta una versione pesantemente modificata del motore di Wolfenstein 3D, di cui inizialmente era concepito come seguito, con il titolo di "Wolfenstein 3D: Part II"[2] . Le limitazioni più evidenti sono soffitti e pavimenti tutti sullo stesso piano (pur se ricoperti da texture), e muri con angoli esclusivamente a 90 gradi. Molte sono le novità introdotte: vetri che possono essere distrutti; l'effetto nebbia; piattaforme che se calpestate fanno saltare il giocatore; buchi dei proiettili sui muri. Per ovviare alla mancanza della variazione di altezza, sono stati creati dei particolari sprite (chiamati "gravitational anomaly disks"), dove il giocatore può salire.

Il team dietro al gioco, Developers of Incredible Power, composto fra gli altri da Tom Hall, è il medesimo che iniziò a lavorare su Prey.

Molto curata è la modalità multiplayer, che oltre a supportare fino a 11 persone in contemporanea (contro le 4 di Doom, uscito un anno prima), possiede 9 diversi stili di gioco, tra cui una molto simile all'attuale capture the flag, oltre a una grande numero di opzioni che permettono di modificare le regole degli incontri. Con l'ultima versione del gioco, la 1.3, è stata introdotta la possibilità di utilizzare un microfono per comunicare con gli altri partecipanti al gioco, caratteristica innovativa per l'epoca.

Modalità di gioco.

* Normal - modalità deathmatch classica.
* Score More - modalità deathmatch, dotata di punteggio variabile a seconda del tipo di uccisione.
* Collector - modalità priva di armi, vince chi colleziona più simboli detti Triad (dei power-up a forma di simbolo del gioco) sparsi nei livelli.
* Scavenger - simile alla precedente, ma si utilizzano le armi.
* Hunter - un giocatore, a turno, impersona la preda, ed è privo di armi; gli altri partecipanti lo devono uccidere per guadgnare punti.
* Tag - un giocatore, a turno, impersona it. Deve trovare altri giocatori e premere il tasto azione su di essi; questo li fa diventare a loro volta it, oltre che a guadagnare un punto.
* Eluder - i giocatori devono trovare un Eluder, un power-up che si muove.
* Deluder - come il precedente, ma l'Eluder deve essere distrutto.
* Capture the Triad - stesse regole della modalità capture the flag.

Screenshots.











Se ti è piaciuto l'articolo , iscriviti al feed cliccando sull'immagine sottostante per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog:

Random Posts

Ultimi giochi pubblicati

Copyright © 2014 Super Tux Giochi | Designed With By Templateclue | Published By Gooyaabi Templates
Scroll To Top